Questa collana nasce con lo scopo di offrire una serie di traduzioni di testi spirituali e di manuali di pratica dedicati a quanti sono interessati al sentiero della meditazione Dzogchen secondo la tradizione dello Yungdrung Bön tibetano.

 

 

 

“La natura dei fenomeni dell’esistenza è non-duale.
Le parti stesse sono prive di concettualizzazione.
L’Infinitamente Buono risplende in tutte le forme.
Avendo realizzato ciò abbandona la malattia dello sforzo.
Dimorando nella spontaneità lascia le cose come sono.
Come vento che rimuove le nuvole dal cielo”.

Yongdzin Lopön Tenzin Namdak Rinpoche

 

“Comportati senza paura come un leone.
Comportati senza agitazione come un Garuda.
Comportati senza avere il senso del puro o dell’impuro come un cane o un maiale.
Comportati con incommensurabile [forza] come una tigre.
Comportati senza attaccamento come un bambino.
Comportati senza attaccamento come un’ape.
Comportati in modo imprevedibile come un folle.
Comportati in modo contrario a come agisce il mondo.
Comportati come un cervo ferito.
Comportati in modo spontaneo, qualunque cosa accada.
Questa è la condotta del ‘gusto unico’”.

Gurib Sega (il 23° dei 24 maestri del Lignaggio dello Zhang Zhung)